Educazione al consumismo – Il lato oscuro di McDonald’s – SECONDA PARTE

Educazione al consumismo – prima e seconda parte pdf

 

Varie strategie sono state usate da McDonald’s per mettere a tacere le critiche sul suo operato e costruirsi un’immagine positiva agli occhi del pubblico. Per esempio, compiendo “buone azioni a favore della comunità”, come la partecipazione ad eventi di beneficenza o la fondazione di Case Ronald vicino agli ospedali per le famiglie che hanno figli ricoverati[47]. Ma anche minacciando con denunce di diffamazione la stampa, i canali televisivi, i gruppi ambientalisti e altri, che hanno criticato la multinazionale[48].

Negli ultimi anni la strategia più usata da McDonald’s (e da molte altre aziende) è quella del greenwashing, attraverso cui cerca di vendersi come sostenibile, quando altro non è che un’azienda che, come molte altre, ha fondato il suo business sullo sfruttamento globalizzato dell’ambiente e degli animali, umani e non umani. E così ha cambiato il logo da rosso a verde; ha aperto un fast food vegetariano in India[49]; ha introdotto alternative vegetariane in alcuni ristoranti[50, 51]; nel 2003 ha aperto il primo McDonald’s con frigoriferi senza idrofluorocarburi (gas ad effetto serra) con tanto di congratulazioni da parte di Greenpeace[52]; nel 2007 a seguito di una collaborazione tra McDonald’s e Greenpeace, i commercianti di soia brasiliani hanno accettato di disporre una moratoria di 2 anni sull’acquisto di soia coltivata in aree recentemente deforestate della foresta amazzonica, affinché, come disse Laurie Johnson, portavoce della multinazionale Cargill: “ognuno abbia tempo di pianificare come controllare meglio le coltivazioni e proteggere la foresta”, in sostanza quella sospensione è stata un contentino in attesa di tornare a sfruttare e distruggere la foresta amazzonica in modo pianificato, e anche in questo caso non mancano le congratulazioni di Greenpeace[53]. McDonald’s ha anche vinto 3 premi dell’RSPCA per l’arricchimento ambientale nell’allevamento delle galline ovaiole, diversi premi di CIWF sia nell’ambito dell’allevamento delle galline ovaiole che per l’allevamento di altri animali[54, 55]. A questi si aggiunge il premio Spira della Humane Society vinto quest’anno per l’impegno a terminare entro il 2025 l’uso di uova prodotte da galline allevate in gabbia[56]. Come se l’allevamento di esseri senzienti non fosse di per sé una forma di schiavitù e di sfruttamento ingiustificabile.

12605342_10201195299361706_2085269702128767892_o

A tutto ciò possiamo aggiungere i danni, talvolta sottostimati, provocati dall’industria della carne e dei derivati animali all’ambiente. Secondo le stime del World Watch Institute il bestiame e i suoi sottoprodotti rappresentano almeno il 51% delle emissioni annuali di gas serra in tutto il mondo[57], e non il 18% come riferito del report della FAO “Livestock’s Long Shadow” del 2006.

Il consumo di carne è la forza scatenante di tutte le principali categorie di danno ambientale che minacciano il futuro dell’umanità: la deforestazione, l’erosione, la scarsità d’acqua, l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, l’ingiustizia sociale, la destabilizzazione delle comunità e la diffusione delle malattie[58]. E aprire dei ristoranti con frigoriferi senza idrofluorocarburi o coordinare gli studi (The Beef Carbon Project) sulla riduzione delle emissioni di gas serra durante la produzione di carne bovina[59]; anche se con le congratulazioni del WWF[60], che ovviamente non si lascia scappare occasione per collaborare con le peggiori multinazionali[61]; non potrà cancellare decenni di sfruttamento e uccisione di animali (anche umani) e di devastazione dell’ambiente.

11412143_654215908011541_531569279944386797_n (1)

 

Riferimenti:

47) McDonald’s “Charitable” Activity http://www.mcspotlight.org/company/charitable/index.html

48) Legal intimidation: a SLAPP in the face of democracy – Fiona Donson http://www.mcspotlight.org/case/trial/verdict/legalint.html

49) McDonald’s opens vegetarian-only restaurant http://www.bbc.com/news/business-19479013

50) Germany McDonald’s sells burger made with Peruvian quinoa http://www.peruthisweek.com/news-germany-mcdonalds-sells-burger-made-with-peruvian-quinoa-107398

51) McDonald’s: potresti mai immaginarlo vegano? http://earthriot.altervista.org/blog/mcdonalds-potresti-mai-immaginarlo-vegano/

52) What do you do when a bad guy does a good deed? http://www.greenpeace.org/international/en/news/features/mcdonald-s-bad-guys-do-good/

53) New Allies on The Amazon http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2007/04/23/AR2007042301903.html

54) What makes a good egg? http://www.mcdonalds.co.uk/ukhome/whatmakesmcdonalds/articles/good-egg.html

55) Compassion In Food Business: McDonald’s UK http://www.compassioninfoodbusiness.com/award-winners/food-service/mcdonalds-global/mcdonalds-europe/mcdonalds-uk/

56) Multinazionali dell’attivismo: la svendita degli ideali http://earthriot.altervista.org/blog/3168-2/

57) Livestock and Climate Change: What if the key actors in climate change were pigs, chickens and cows? https://www.worldwatch.org/files/pdf/Livestock%20and%20Climate%20Change.pdf

58) Meat – Now, it’s not personal! http://www.worldwatch.org/system/files/EP174A.pdf

59) McDonald’s seeks to cut cows’ methane emissions http://www.theguardian.com/environment/2010/jan/10/mcdonalds-methane-emissions-cattle

60) McDonald’s and Sustainability: We’re Lovin’ It http://www.worldwildlife.org/blogs/on-balance/posts/mcdonald-s-and-sustainability-we-re-lovin-it

61) McDonald’s e Wwf: indovina chi viene a cena? http://earthriot.altervista.org/blog/mcdonalds-e-wwf-indovina-chi-viene-a-cena/


Comments are closed.